«

»

I semi di lino

Immagine

I semi di lino sono un alimento che presenta particolari caratteristiche benefiche per l’organismo. Essi possono essere considerati come un semplice ingrediente da utilizzare in cucina. E’ sufficiente tritare i semi di lino, che devono essere consumati crudi, per ottenere un nuovo condimento per i propri piatti, ma i loro utilizzi vanno ben oltre le ricette più semplici.

Dal punto di vista nutrizionale, apprezzabile è l’elevato contenuto di acidi grassi polinsaturi, in particolare omega3 (acido alfa-linolenico), sali minerali, vitamina B1, B2, E, mucillagini e piccole quantità di acido cianidrico.

In 100 grammi di semi sono presenti 2,8 mg di ferro, 198 mg di calcio, 31 g di grassi, 34,8 g di fibre, 24,5g di proteine vegetali, con un contenuto calorico pari a 373 Kcal.

E’ importante, inoltre, l’elevato contenuto di vitamina E (17,5 mg) con la sua attività antiossidante, la presenza di lecitina, insieme di fosfolipidi utili al buon funzionamento del sistema nervoso e la presenza di Metionina (aminoacido essenziale), fondamentale durante lo sviluppo embrionale.

Secondo uno studio condotto dal dott. Michael Greger e reso disponibile agli adetti ai lavori pochi giorno fa, un cucchiaio al giorno di semi di lino macinati, per un mese, sembra migliorare la glicemia a digiuno, oltre a i valori di trigliceridi, di colesterolo e di emoglobina A1c nei diabetici.

La motivazione dei risultati potrebbe riguardare il miglioramento della sensibilità all’insulina nelle persone con intolleranza al glucosio: dopo 12 settimane di assunzione di semi lino si osserva una piccola ma significativa riduzione della resistenza all’insulina, forse dovuta alla diminuzione di stress ossidativo data dalle proprietà antiossidanti dei fitonutrienti contenuti nei semi di lino.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/i-semi-di-lino/