«

»

L’arancia Moro e il controllo del peso

Immagine101

L’arancia rossa, frutto tipico della zona circostante il vulcano Etna, nella parte orientale della Sicilia, tanto da ottenere la denominazione Indicazione geografica Protetta (IGO) è presente in 3 varietà: Moro, Tarocco e Sanguinello. Tra le 3 quella Moro è caratterizzata da una polpa intensamente pigmentata (color porpora) a causa della maggiore concentrazione di sostanze attive, in particolare antociani.

Molti studi sono stati condotti per dimostrare gli effetti benefici dei flavonoidi sul controllo del peso e sull’obesità. Per esempio gli antociani, appartenenti alla classe dei flavonoidi, sono in grado di migliorare il metabolismo degli adipociti, mediante la regolazione dell’espressione del gene delle adiponectine, sostanze che influenzano l’omeostasi metabolica dell’organismo. Inoltre, in topi alimentati con una dieta ricca in grassi, mostrano un elevato livello di enzimi lipogenici (acido grasso sintasi, glicerolo 3 fosfato sintasi e Acil CoA sintasi) influenzati dallo stato nutrizionale e l’assunzione di antociani per 12 settimane ha ridotto significativamente i livelli dei 3 enzimi coinvolti in sintesi ed accumulo di acidi grassi e triacilgliceroli nel tessuto adiposo. Un recente studio farmacologico ha poi dimostrato che il succo di arance Moro contiene un pool di sostanze in grado di inibire l’accumulo di grassi (Titta L. et al (2010) Blood orange juice inhibts fat accumulation in mice J Obes 34 (3) 578-588). Nei topi alimentati con dieta ricca di grassi, l’assunzione di succo di arancia var Moro, ma non di altre varietà, ha indotto una significativa riduzione dell’aumento del peso corporeo e dell’accumulo di massa grassa (addominale inguinale) rispettivamente del 25 e 50%.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/larancia-moro-e-il-controllo-del-peso/