«

»

Le piante per depurare il fegato

1

Il fegato è un organo silenzioso, ma molto laborioso: si ritiene, infatti che svolga 500 funzioni in particolare è centrale nel metabolismo, nella digestione e detossificazione ma contribuisce in modo importante anche alle difese immunitarie e omeostasi sanguigna.

Che cosa  “affatica” il fegato? Che cosa gli chiede un superlavoro o lo mette in condizioni “difficili”? Quali sono le piante che possono aiutarlo?

Focalizziamo l’attenzione su 2 aspetti:

  1. Azione detossificante
  2. Funzione metabolica

La funzione detossificante si svolge in  2 fasi che congiuntamente hanno lo scopo di trasformare le molecole tossiche facilitandone l’eliminazione attraverso i reni, oppure la bile, quindi l’intestino

Secondariamente il fegato è un organo centrale per il metabolismo ed è in particolare coinvolto fortemente nel metabolismo sia lipidico che glucidico. Non stupisce, quindi, che nei soggetti in sovrappeso il fegato mostri segni di sofferenza “arricchendosi” di grassi, la cosiddetta “steatosi”.

Le piante che favoriscono il benessere del fegato sono:

  • Il cardo mariano del quale si usa il tegumento dei semi. Questa parte della pianta è ricca in silimarina e altri flavonoidi. Dal momento che si tratta di composti difficilmente solubili in acqua, di norma si suggerisce l’utilizzo di estratti opportunamente titolati
  • Carciofo che si caratterizza per la presenza di composti amari; del carciofo la componente sono le foglie. Si tratta di una pianta polifunzionale . i composti che lo caratterizzano sono dei sesquiterpenlattoni, flavonoidi e derivati dell’acido caffeico. Un aspetto interessante è che questi composti sono solubili in acqua e quindi sono reperibili anche attraverso gli infusi
  • Tarassaco: in ambito epatico si usa la radice, estremamente tollerabile, amaro ma non troppo, facile da reperire, dotato di multiattività, è una pianta tra le più note ed amate. Dai risultati scientifici sembra che i composti denominati lattoni sesquiterpenici, ovvero quelli presenti nel lattice bianco della pianta siano i principali responsabili dell’azione epatoprotettiva. Anche il tarassaco, come il carciofo ha un’attività coleretica e diuretica che completa l’azione epatoprotettiva.
Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/le-piante-per-depurare-il-fegato/