«

»

Le proprietà della zeolite

Immagine

La zeolite, dal greco “pietra che bolle”, è un minerale di origine vulcanica che si forma per lo più dall’incontro tra la lava incandescente e l’acqua salmastra del mare. Esistono oltre 100 diverse tipologie di zeolite (con canale unidimensionale, bidimensionale e tridimensionale) e si trovano numerosi giacimenti. Da un punto di vista chimico è un allumo silicato idratato dei metalli alcalini e dei metalli di terre alcaline. La struttura  a reticolo cristallino regolare consente l’alloggiamento di cationi come il calcio, il magnesio, il sodio e il potassio in combinazione con acqua. Nel campo della medicina umana si utilizza zeolite bidimensionale sottoposta ad attivazione e dal 1986 sono stati registrati 39 brevetti relativi alla zeolite. Per attivazione si intende sottoporre il minerale a un processo che provoca la collisione delle particelle tra loro, evitando la diretta collisione con le pareti o le pale delle macine in modo che le particelle non vengano inquinate da metalli pesanti. Grazie a questa metodologia la struttura delle particelle acquisisce particolari proprietà che, unite all’incremento di superficie, consentono di legare più velocemente e più stabilmente le tossine, incrementandone l’attività.

La zeolite presenta un’azione su:

  • Radicali liberi e stress ossidativo
  • Metalli pesanti

Inoltre è un adiuvante dopo chemioterapia e radioterapia portando a una migliore qualità di vita e maggiore tolleranza ai farmaci.

Il metabolismo ossidativo è fonte di energia ma anche produttore di radicali liberi che causano danno alle membrane cellulari e a strutture biologiche quali proteine, DNA, RNA, lipidi … L’organismo possiede dei sistemi di protezione dal danno da radicali liberi (per esempio la superossidodismutasi (SOD) e la glutatione per ossidasi (GSH – Px).

Un aumento della produzione di radicali liberi si ottiene attraverso:

  • Il consumo di generi voluttuari (es. alcool, tabacco)
  • Alimentazione ricca di grassi
  • Sforzi fisici estremi
  • Sostanze nocive dell’ambiente
  • Metabolizzazione di medicinali differenti
  • Raggi UV
  • Raggi ionizzati

Gli studi sullo stress ossidativo indicano che l’eccesso di radicali liberi può nono solo provocare patologie ma aggravarle (tra queste: diabete, cancro, patologie cardiovascolari, quelle del tratto gastroenterico). La zeolite rientra tra gli strumenti importanti per combattere e neutralizzare i radicali liberi. Anche l’effetto sui metalli pesanti è molto interessante: mercurio, piombo, cadmio sono tra i più conosciuti e pericolosi agenti tossici per l’ organismo e l’ambiente: sono presenti nelle polveri che respiriamo e nei cibi che ingeriamo. La tossicità elevata di questi metalli può danneggiare significativamente le cellule riducendone il loro buon funzionamento con conseguente indebolimento dell’organismo (es. patologie autoimmuni). La copresenza di più metalli tossici crea sinergie che aumentano drasticamente la loro pericolosità.

La zeolite, attraverso la chelazione dei metalli pesanti nel tratto gastroenterico, può ridurne la presenza nell’intero organismo (detossificazione) e/o evitare l’assorbimento nei tessuti svolgendo una funzione preventiva.

Recenti studi sull’utilizzo della zeolite attivata in abbinamento a terapie standard hanno evidenziato un’azione positiva sul sistema circolatorio, sulla pressione arteriosa, sul recupero dopo infarto, sul sistema digestivo, sull’iperacidità gastrica e sulle ulcere duodenali.

Secondo gli studi la zeolite consentirebbe di migliorare l’efficacia delle terapie standard e di ridure il periodo di recupero.

A chi può essere utile:

  • Sportivi: la zeolite è adiuvante nell’aumento della resistenza, nel miglioramento del recupero e nel ridurre l’acidosi lattica
  • Manager, imprenditori, studenti: la zeolite aiuta a migliorare la concentrazione, poiché riduce la presenza di NH3 nell’organismo e riduce lo stress ossidativo e la stanchezza
  • Persone sottoposte a stress, convalescenti, anziani: la zeolite aiuta a recuperare dallo stress e a superare l’affaticamento e la debolezza.
Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/le-proprieta-della-zeolite/