«

»

Rischio calcolosi con le diete ipocaloriche

Immagine

Le diete ipocaloriche hanno dimostrato di potere ridurre il peso corporeo totale di un 8%, in media, in un periodo di tempo di sei mesi, con significative riduzioni della circonferenza addominale. Questi dati rappresentano valori medi e comprendono anche i soggetti che non perdono peso. La perdita di peso, quando si verifica, è caratterizzata dal 75% di massa grassa e dal 25% di massa magra. Con le diete fortemente ipocaloriche è maggiore la perdita iniziale di peso, ma è maggiore anche il recupero. Inoltre, una riduzione rapida del peso non consente l’acquisizione graduale di nuove abitudini alimentari.

Secondo uno studio del Karolinska Institut di Stoccolma, apparso su International Journal of Obesity tra i tanti effetti collaterali delle diete fortemente ipocaloriche ci sono anche i calcoli biliari (o calcoli alla colecisti).

I ricercatori, guidati da Kari Johansson, hanno valutato quali sono gli effetti delle diete commerciali (quelle, per capirsi, che vendono anche prodotti alimentari per dimagrire) sulla salute della cistifellea. Hanno chiesto a oltre ottomila adulti di seguire per un anno la loro normale alimentazione o una dieta drastica e fortemente restrittiva (tre mesi di alimentazione liquida, da 500 kcal al giorno, seguiti da nove mesi di mantenimento) oppure una dieta ipocalorica (1.500 calorie al giorno per tre mesi, assunte con due pasti normali ma leggeri e due spuntini dietetici liquidi, per poi passare a nove mesi di mantenimento).

L’attenzione degli scienziati si è focalizzata sui due gruppi a dieta (in totale 6.640 persone): alla fine dell’anno di trattamento, tra chi aveva seguito il regime drastico (bibitoni da 500 kal al giorno) ci sono stati 64 casi di colelitiasi (che può provocare la dolorosa colica biliare), contro i 16 casi di che aveva adottato un programma più equilibrato. La perdita di peso invece era simile per entrambi.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/rischio-calcolosi-con-le-diete-ipocaloriche/