«

»

Gli integratori alimentari

Secondo gli ultimi dati 3 italiani su 4 hanno utilizzato un integratore alimentare almeno una volta nella vita e circa il 505 lo ha assunto lo scorso anno. Il mercato delle “pillole” del benessere è in continua espansione. Un recente studio sviluppato dalla Mailman School of Public Health della Columbia University di New York riportato su Scientific Reports, ha dimostrato che l’assunzione delle vitamine del gruppo B può ridurre l’impatto negativo esercitato sul cuore e sistema immunitario dal PM 2.5, una famigerata polvere sottile, attenuandone gli effetti negativi sulla frequenza cardiaca e pressione arteriosa. Occorre però scegliere con cura il rimedio giusto.

Per esempio se la memoria va in tilt e c’è difficoltà nella concentrazione poiché si sta attraversando un periodo di forte stress e di superlavoro, il cortisolo è l’ormone che va alle stelle deprimendo le funzioni mentali. Per i cinquantenni con le funzioni mentali alle crode a causa del burnout lavorativo sono utili gli integratori a base di ginko biloba. Questa pianta migliora la circolazione cerebrale e il lavoro delle sinapsi, i ponti di collegamento tra un neurone e un altro su cui viaggiano le informazioni. Se alla stanchezza mentale si associa anche quella fisica è bene associare alla ginko biloba anche eleuterococco o ginseng che però sono sconsigliate in chi soffre di ipertensione. Se il calo delle funzioni mentali è associato a un calo dell’umore bene l’integrazione con rodiola rosea, pianta adattogena che abbassa i livelli di cortisolo e aumenta quelli di serotonina, ormone della “serenità”. Anche in questo caso è necessario prestare attenzione: se si assumono antidepressivi della categoria degli SSRI evitare la rodiola perche l’associazione può dare il via ad agitazione ed insonnia.

Se, invece, abbiamo bisogno di sostenere la memoria per “colpa dell’età” si può ricorrere alle vitamine del gruppo B: non deve mai mancare la vitamina B12 che rallenta la degenerazione delle cellule cerebrali e la B1 capace di mantenere in forma il sistema nervoso centrale e favorire il rilascio di acetilcolina, neurotrasmettitore che migliora l’attenzione.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/gli-integratori-alimentari/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>