↑ Torna a Nutrizione e…

Nutrizione e Medicina Cellulare

Immagine

Il corpo è costituito da miliardi di cellule e la vita dipende dal costante approvvigionamento di quattro elementi principali: l’aria (ossigeno), l’acqua, i macronutrienti (proteine, carboidrati e  grassi) e i micronutrienti (vitamine, aminoacidi, minerali ed oligoelementi).

Il pioniere della ricerca sull’influenza dei micronutrienti sull’efficienza cellulare è stato il due volte premio Nobel (premio Nobel per la chimica nel 1954 e per la Pace nel 1962) Linus Pauling. Al tempo della sua scomparsa, all’età di 93 anni (Agosto 1994), Pauling, probabilmente, era conosciuto più per i recenti lavori nel campo della scienza della nutrizione  e della vitamina C. Grazie ai suoi best seller sulla vitamina C, le frequenti apparizioni televisive, i numerosi studi pubblicati e le presentazioni scientifiche sulla nutrizione curativa da lui battezzata con il nome di “medicina orto molecolare”, Linus Pauling fu l’unico rappresentante “ufficiale” per l’emergente  scienza della nutrizione e della salute e negli anni ’70 diventò il leader della medicina nutrizionale – in un periodo in cui la medicina ufficiale denigrava questo tipo di interessi-.

Oggi erede di questi tipo di studi è il dottor M. Rath, primo direttore, nel 1990, della ricerca cardiovascolare presso il Linus Pauling Instituite di Palo Alto in California. Attualmente il dottor Rath dirige un istituto di ricerca e sviluppo per la medicina cellulare in cui si documentano scientificamente i benefici dei micronutrienti nella lotta a moltissime patologie. Il dottor Rath è l’ideatore del concetto scientifico della Medicina Cellulare, ossia l’introduzione sistemica nella medicina clinica delle nozioni biochimiche in merito al ruolo dei micronutrienti come biocatalizzatori in una ampia gamma di reazioni metaboliche a livello cellulare. Il dottor Rath e il suo team di ricerca sono giunti alla conclusione che le seguenti patologie comuni sono principalmente provocate da carenze croniche di micronutrienti:

  • Aterosclerosi
  • Infarto
  • Aritmia
  • Problemi circolatori correlati al diabete
  • Osteoporosi
  • Molteplici forme di cancro
  • Immunodeficienze quali condizioni preliminari per una serie di patologie infettive tra cui l’AIDS

Una caratteristica distintiva dei micronutrienti consiste nel fatto che la loro carenza non è segnalata da alcun sintomo di allarme precoce. La carenza cronica di bioenergia cellulare conduce alla perdita di funzione ed è le precondizione di sviluppo per patologie quali lo scompenso cardiaco, l’aterosclerosi, i problemi circolatori …

La medicina cellulare riconosce in un’ottimale assunzione giornaliera di micronutrienti specifici la misura preventiva e terapeutica fondamentale di molti disturbi. La maggior parte delle sostanze nutritive cellulari ha come bersaglio  la “centrale energetica” contenuta in ogni cellula. Qui essi contribuiscono ad avviare la combustione biologica dell’energia derivata dagli zuccheri, dalle proteine e dai grassi. Rispetto alla centrale energetica convenzionale, i macronutrienti sono il combustibile e i micronutrienti sono gli interruttori del processo di generazione dell’energia.

In sintesi, le molecole “interruttore” sono:

  • Acetilcoenzima A (AcetilCoA): è la molecola indispensabile per il metabolismo di proteine, carboidrati e grassi. La vitamina B5 (Acido Pantotenico) è una componente strutturale di questa molecola. La carenza di vitamina B5 porta alla riduzione di AcetilCoA ed è un blocco metabolico che può portare ad una aumento del tasso di colesterolo e di acidi grassi nel sangue
  • Vitamina B3 (acido nicotinico): è la molecola di trasporto di uno dei più importanti vettori energetici della cellula (NAD). La vitamina C fornisce la bioenergia alle molecole di trasporto del NAD aggiungendo H e quindi energia biologica
  • Vitamina B2 (Riboflavina): coopera con la vitamina C agendo da navetta bioenergetica. La vitamina B2 è una componente della molecola di trasporto energetico flavina-adenina-dinucleotide (FAD) e la vitamina C fornisce bioenergia per l’attivazione di milioni di molecole FAD
I principi della Medicina Cellulare

  1. 1.       La salute  e la malattia sono determinate a livello di milioni di cellule che compongono il nostro corpo e i nostri organi
  2. 2.       Le vitamine e le altre sostanze nutritive essenziali sono necessarie per migliaia di reazioni biochimiche in ogni cellula. La carenza cronica di queste vitamine ed altre sostanze nutritive essenziali è la cause più frequente della disfunzione di milioni di cellule corporee e la causa principale della malattia cardiovascolare e di altre malattie
  3. 3.       Le malattie cardiovascolari sono le più frequenti poiché le cellule del sistema cardiovascolare hanno un alto tasso di consumo di vitamine ed altre sostanze nutritive essenziali a causa dello stress meccanico esercitato sul cuore e sulla parete dei vasi sanguigni dal battito cardiaco e dall’onda sfigmica
  4. 4.       Una integrazione dietetica ottimale di vitamine ed altre sostanze nutritive essenziali è la chiave per la prevenzione e l’efficace trattamento della malattia cardiovascolare così come di altri problemi cronici di salute

 Tratto da:

 “Perché gli animali non sono soggetti ad attacchi cardiaci e gli uomini sì”

del dott. Rath

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/nutrizione-e/nutrizione-e-medicina-cellulare/