Aterosclerosi: l’epidemia silenziosa

Le malattie cardiovascolari sono il male del secolo, anzi dei secoli e di quelli futuri se non assumiamo la consapevolezza dell’entità del problema e la consapevolezza che il problema inizia dai numeri: in Italia ogni anno 145.000 persone subiscono un infarto cardiaco, 12.803 al mese, 402 al giorno, 16 all’ora e 1 ogni 4 minuti e 15 secondi. Ogni ora su 16 persone che hanno avuto un infarto cardiaco, 5 muoiono. In sintesi ogni 12 minuti, nel nostro Paese, muore una persona per infarto al cuore. In Italia 200.000 persone all’anno sono colpite da ictus cerebrale, 16.00 al mese, 555 al giorno, 23 ogni minuto, ogni minuto 2 persone, in Italia, hanno un ictus cerebrale, con conseguenze più o meno gravi che vanno dall’amnesia transitoria alla necessità della badante per attendere alle comuni attività giornaliere. Ma l’infarto o l’ictus rappresentano solo il fenomeno conclusivo, l’epifenomeno, il triste prodotto di una malattia subdola, cronica, muta: l’aterosclerosi.

Per aterosclerosi si intende una malattia delle arterie caratterizzata dalla presenza di formazioni giallastre nella parete del lume vascolare, chiamate placche ateromasiche. Affinché questa malattia si verifichi sono necessarie due condizioni:

  1. Una iniziale infiammazione del rivestimento interno (= endotelio) dell’arteria. Questa condizione viene chiamata disfunzione endoteliale
  2. La presenza in circolo di lipoproteine piccole e dense

Cosa provoca la disfunzione endoteliale? Dopo molte supposizioni e studi scientifici, oggi sappiamo con ragionevole certezza che la causa, anzi le cause scatenanti questa infiammazione sono: il fumo di sigaretta, l’ipertensione arteriosa, i grassi saturi, l’aumento di LDL, l’aumento frequente della glicemia e dei radicali liberi. Altro che colesterolo cattivo! Rileggete bene per favore: anni di studi per conoscere fattori, che, a parte il fumo di sigaretta, tutti gli altri sono riconducibili in parte o totalmente alla nostra condotta alimentare –ergo nutrizione – e al nostro stile di vita. E questo è incredibile: incredibile la responsabilità che ciascuno di noi ha nei confronti di se stesso e  della propria salute. A volte è triste pensare alla nostra assoluta inconsapevolezza del potenziale effetto che il “fattore nutrizione – stile di vita” ha sul nostro benessere. E allora quale alimentazione è utile? Ridurre gli zuccheri e tutti i cibi con alto carico glicemico per limitare al massimo i picchi elevati di glicemia e di conseguenza i picchi di insulina ripetitivi che non sono benefici, ridurre tutti gli alimenti che contengono acidi grassi saturi (in particolare i cibi già pronti sugli scaffali dei super: biscotti, taralli, focaccine, crackers, …), prediligere la frutta e la verdura di stagione, ricca di antiossidanti e nutrienti utili alla riparazione delle cellule endoteliali danneggiate. Tradotto in termini “commestibili” i cibi sono facilmente individuabili. Vedete che non si tratta di dieta ma di consapevolezza alimentare e di cultura alimentare.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/aterosclerosi-lepidemia-silenziosa/

La genomica, alleata strategica della linea

Come perdere peso? Chiediamolo ai nostri geni, al nostro DNA! Ognuno di noi, in base alla propria costituzione fisica, lavoro e stile di vita (usando parole scientifiche in funzione del proprio genotipo e fenotipo) risponde alla dieta in maniera diversa rispetto agli altri. Salvo rarissimi casi, tutti possono perdere peso seguendo uno stile di vita corretto basato sulla combinazione tra dieta bilanciata e pratica dell’attività fisica. Il test del DNA, però, può essere di aiuto nel comprendere cosa sta alla base di una difficoltà nel perdere peso, oppure ci può far comprendere quanto l’alimentazione possa aiutarci a prevenire una patologia verso cui abbiamo una maggiore disposizione. Sicuramente il test del DNA offre informazioni di come quell’organismo sia in grado di usare bene il carburante messo a disposizione dagli alimenti. E’ una conversione del modello mentale: il corpo vissuto come elemento dinamico, come entità attiva e il cibo visto come entità che ha il potere di cambiare e ha il potere di smuovere l’organismo, mettendolo in moto. Il vecchio modello diceva “mangia meno e dimagrisci” oggi si dice “introduci nel tuo corpo molecole attive, che interagiscono con il corpo sia in senso positivo che negativo, influenzando direttamente il benessere”. Questo significa essere più responsabili verso se stessi e, conseguentemente, rispetto alle proprie scelte nutrizionali. Ecco che in un tale contesto il cibo è l’elemento nutritivo nei suoi bisogni più profondi di identità, affettività, riconoscimento, relazione. La dieta deve essere vissuta come “fuori dalla prigione degli assoluti”, “fuori dai rimarginamenti negativi”, “fuori dalle ossessioni verso l’oggetto del desiderio”, fuori dalla “legge del tutto o niente”, “fuori chili in sette giorni”.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/la-genomica-alleata-strategica-della-linea/

Gli integratori alimentari

Secondo gli ultimi dati 3 italiani su 4 hanno utilizzato un integratore alimentare almeno una volta nella vita e circa il 505 lo ha assunto lo scorso anno. Il mercato delle “pillole” del benessere è in continua espansione. Un recente studio sviluppato dalla Mailman School of Public Health della Columbia University di New York riportato su Scientific Reports, ha dimostrato che l’assunzione delle vitamine del gruppo B può ridurre l’impatto negativo esercitato sul cuore e sistema immunitario dal PM 2.5, una famigerata polvere sottile, attenuandone gli effetti negativi sulla frequenza cardiaca e pressione arteriosa. Occorre però scegliere con cura il rimedio giusto.

Per esempio se la memoria va in tilt e c’è difficoltà nella concentrazione poiché si sta attraversando un periodo di forte stress e di superlavoro, il cortisolo è l’ormone che va alle stelle deprimendo le funzioni mentali. Per i cinquantenni con le funzioni mentali alle crode a causa del burnout lavorativo sono utili gli integratori a base di ginko biloba. Questa pianta migliora la circolazione cerebrale e il lavoro delle sinapsi, i ponti di collegamento tra un neurone e un altro su cui viaggiano le informazioni. Se alla stanchezza mentale si associa anche quella fisica è bene associare alla ginko biloba anche eleuterococco o ginseng che però sono sconsigliate in chi soffre di ipertensione. Se il calo delle funzioni mentali è associato a un calo dell’umore bene l’integrazione con rodiola rosea, pianta adattogena che abbassa i livelli di cortisolo e aumenta quelli di serotonina, ormone della “serenità”. Anche in questo caso è necessario prestare attenzione: se si assumono antidepressivi della categoria degli SSRI evitare la rodiola perche l’associazione può dare il via ad agitazione ed insonnia.

Se, invece, abbiamo bisogno di sostenere la memoria per “colpa dell’età” si può ricorrere alle vitamine del gruppo B: non deve mai mancare la vitamina B12 che rallenta la degenerazione delle cellule cerebrali e la B1 capace di mantenere in forma il sistema nervoso centrale e favorire il rilascio di acetilcolina, neurotrasmettitore che migliora l’attenzione.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/gli-integratori-alimentari/

Disbiosi e disordini del sistema nervoso centrale

La disbiosi intestinale è stata osservata anche in patologie extraintestinali e, in particolare, quelle che interessano l’asse intestino – cervello, influenzando il sistema nervoso centrale (SNC), funzione cognitiva e comportamento.

Vari studi hanno evidenziato che questo avviene mediante un riprogrammazione diretta dell’asse Ipotalamo Ipofisi Surrene (HPA) che una via che viene perturbata da stimoli stresso geni.. E’ noto che disfunzioni enteriche possano causare ansia, depressione e disfunzione cognitiva. I batteri commensali possono influire sul sistema nervoso ed enterico agendo sul GABA, il principale neurotrasmettitore inibitorio del SNC coinvolto nella regolazione dei processi fisiologici e psicologici. Alterazioni dell’espressione del recettore GABA sono implicate nella patogenesi di ansia e depressione.

Un batterio che è risultato essere coinvolto nella modulazione dei neurotrasmettitori che derivano da aminoacidi come triptofano e da molecole come serotonina e dopamina, è il Bifidobacterium Infantis. L’efficacia dei probiotici sulla regolazione dell’umore è stata suggerita in un trial con Lactobacillus Casei che ha mostrato un miglioramento dell’umore dei soggetti analizzati rispetto al gruppo di controllo.

L’alimentazione moderna favorisce gli squilibri e le infiammazioni a danno del benessere intestinale perché è caratterizzata da un consumo eccessivo di carboidrati raffinati a discapito di alimenti ricchi di fibre. Inoltre , con il costante aumento dei consumi di cibi confezionati e prodotti raffinati industriali la situazione non può che peggiorare. Anche lo stile di vita con pasti consumati velocemente, in maniera irregolare, mentre si è alle prese con i problemi di tutti i giorni, può influire in modo significativo sul nostro benessere intestinale.

L’equilibrio della flora batterica intestinale è influenzato anche da permeabilità intestinale, presenza di batteri patogeni, parassiti o miceti e, per questo motivo, è necessario avere cura del proprio benessere intestinale attraverso l’acquisizione di uno stile di vita più corretto ed, eventualmente, l’esecuzione di esami come calprotectina fecale e alfa 1 antitripsina, 2 parametri indicativi di infiammazione e permeabilità intestinale.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/disbiosi-e-disordini-del-sistema-nervoso-centrale/

Gli alimenti che aiutano a disinfiammare

Lo zenzero (Zingiber Officinalis) è una pianta asiatica usata come spezia aromatizzante di cibi e bevande e per le sue proprietà digestive, diuretiche , antibatteriche e antinfiammatorie e benefiche sull’apparato circolatorio. L’azione antinfiammatoria è attribuita alla inibizione della ciclossigenasi e della 5 – lipossigenasi che comporta una riduzione della sintesi di leucotrieni e prostaglandine.

La curcuma (Curcuma Longa) è una pianta appartenente alla famiglia delle Zenziberacee, ha una lunga tradizione come spezia e come erba medicinale nella medicina cinese e ayurvedica, in particolare come agente antinfiammatorio. Il suo più importante agente attivo è la curcumina, alla quale vengono attribuite diverse attività farmacologiche. La curcuma si è dimostrata efficace nel miglioramento nelle infiammazioni articolari e gastriche, nelle epatopatie e nelle malattie neurodegenerative.

Il radicchio di Treviso (Chicorium Intybus) appartiene alla famiglia delle Compisite, gruppo delle cicorie. Ha proprietà antiossidanti ed è utile contro la psoriasi, diabete di tipo II, obesità, stitichezza e cattiva digestione. Il radicchio rosso contiene soprattutto potassio, ma anche magnesio, fosforo, calcio, zinco, sodio, ferro, rame e manganese; contiene inoltre vitamine del gruppo B, vitamina C, vitamina E, vitamina K. Grazie alla elevata quantità di acqua il radicchio è depurativo. Le fibre contenute nel radicchio sono in grado di trattenere gli zuccheri del sangue e per questo motivo viene indicato in chi soffre di diabete di tipo II. Il radicchio rosso, come tutte le verdure e la frutta di questo colore, è ricco di antiossidanti. Contiene antociani e triptofano: i primi aiutano a prevenire i fattori di rischio cardiovascolare, mentre il secondo aiuta a modulare il sonno.

La Quinoa (Chenopodium quinoa), è una pianta appartenente alle Chenopodiacee. La quinoa non è una graminacea e quindi non contiene glutine, è quindi un alimento adatto alle persone affette da celiachia. Ha parecchie proprietà nutritive. E’ molto ricca di proteine, carboidrati e fibra alimentare. Nella sua composizione sono presenti 2 aminoacidi essenziali: la lisina e la metionina. Quest’ultimo aiuta a controllare il metabolismo dell’insulina. Contiene una buona quota di minerali e vitamine, in particolare magnesio, vitamina C e vitamina E. la quinoa è un alimento particolarmente energizzante. Essendo molto nutriente, il suo consumo è consigliato a donne in gravidanza, bambini, anziani, sportivi, convalescenti. Il suo elevato contenuto proteico la rende un valido sostituto delle proteine animali.

Condividi:
Share this page via Email Share this page via Facebook Share this page via Twitter

Permalink link a questo articolo: https://www.katieguarato.it/gli-alimenti-che-aiutano-a-disinfiammare/

Post precedenti «

» Post successivi